• Federica

Annés folles

Anni '20,epoca di suffragette,garçonne ed irripetibili rivoluzioni:automobili,jazz ed art déco segnano un determinante mutamento nello stile di vita.


Foto di Please Don't sell My Artwork AS IS da Pixabay


Un nome su tutti:Coco Chanel.


Nei ruggenti anni '20 è proprio lei a lanciare la moda dei capelli corti,tendenza che si deve ad un incidente costatole qualche capello bruciato...

Tutte le signorine "pour de bon" iniziano ad imitarla ed è subito tendenza!

Libera la donna dai restrittivi schemi della Belle Epoque fatti di corsetti a prova di respiro ed ingombranti cappelli e le regala "le petite robe noire",un abitino molto lineare,nero,adatto alla nuova mentalità dinamica e lavoratrice.

Rivisita anche la moda maschile proponendo il pantalone da donna e diffonde il modello alla marinara(confesso che da bambina mamma mi vestiva spesso così ed ora che sono adulta continuo ad amare particolarmente questo stile!).



A propagare quella nuova moda definita "povertà di lusso",le riviste specializzate che sempre più spesso, propongono immagini di vestiti a sacco,cloche calzate fino alle sopracciglia,gonne sempre più corte,abiti da sera in chiffon ed organza,decorati con frange e perle,rossetti accesi e mascara.






Un'epoca in cui la donna non deve mostrare ma essere semplice.

Nascono i primi reggiseni che,invece di valorizzare ,schiacciano le forme(il senso pudico di quei tempi non ammetteva l'abbondanza!).La donna è vista come eterna adolescente:fianchi stretti e vita inesistente!


Parigi si trasforma nella Capitale del lusso,delle feste sfrenate,della bella vita e della cultura.


Giovanotti e signorine di ogni genere affollano i locali notturni ballando Tango e Charleston,danze provocatorie che per la prima volta,permettono lo sfregamento dei corpi e la vista delle gambe nude.I banconi dei bar sono sempre più frequentati da donne fumatrici che ostentano nuche rasate,abbigliamento maschile e calze ed i famosi locali di Montparnasse ripropongono la bohème,lanciando temi di discussione e provocando accesi confronti.


Foto di Please Don't sell My Artwork AS IS da Pixabay



Io dico sempre,ironicamente,di aver probabilmente "sbagliato epoca" e tu,pensi di essere nato in quella giusta?


Federica.

23 visualizzazioni0 commenti